76° Festival del Cinema di Venezia

Festival Cinema Venezia

76° Festival del Cinema di Venezia
da “Festival del Cinema” a “Festival di tutti”…ma proprio tutti!

 

28/08/2019 – 07/09/2019, Venezia, Italia.


Si è da poco conclusa l’edizione 76 della mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, a Venezia Lido, appunto. Un evento che attira su di sé l’attenzione ridondante dei media internazionali che inevitabilmente genera una serie di polemiche (alcune alquanto futili ed insensate)...“spada di Damocle” di qualsiasi evento di così grande portata.
A fare da madrina a quest’edizione sempre più innovativa e all’avanguardia è stata Alessandra Mastronardi, attrice italiana dall’indubbio talento, che ha incantato, sera dopo sera, il muro di fotografi in preda “all’ingordigia da scatto”. Bella, bellissima la Mastronardi, elegante, solare…addirittura eterea come qualcuno l’ha definita, con i suoi look sobri ed audaci allo stesso tempo, ha saputo render giustizia al ruolo ricoperto sgravandolo dall’alone di “pesantezza” ma soprattutto ha reso l’idea di un Festival alla portata di tutti, vista anche la sua giovane età.


È possibile parlare quest’anno, a proposito del Festival del Cinema di Venezia, di un’edizione innovativa e variegata che guarda al futuro, un’edizione eterogenea soprattutto circa i registi e le operazioni cinematografiche in concorso. Dunque non c’è da stupirsi se è stato conferito grande spazio alla cosiddetta “Virtual Reality”, futuro nel campo dell’audiovisivo e che siano state presentate (sebbene fuori concorso) anche le serie tv (tra le quali: The New Pope – di Paolo Sorrentino; ZeroZeroZero – di Stefano Sollima). Non bisogna stupirsi neppure del fatto che a vincere il “Leone D’Oro” sia stato il film dell’americano Todd Philips, “Joker”, rompendo così gli schemi e gli stereotipi del passato che avrebbero visto impossibile l’attribuzione della vittoria del premio più importante della kermesse ad un “cinecomic”. Ma il “Joker” di Joaquin Phoenix va oltre il fumetto e punta sulla caratterizzazione dell’umanità del protagonista, raccontata (secondo la giuria di esperti) in maniera magistrale da Philips.

Leone doro Joker VeneziaTodd Philips & Joaquin Phoenix - Leone d'oro, Venezia 2019

(http://www.loudvision.it/wp-content/uploads/2019/09/Leone-doro-Joker-e1568105380808-620x330.jpg)

Se lo scorso anno il tema del festival era il mondo della femminilità, quest’anno il tema può essere identificato con il mondo della familiarità: famiglie nuove e vecchie, diverse e uguali, con particolare attenzione alla genitorialità ed al rapporto (sempre attuale ed in costante evoluzione) genitori-figli.


Passiamo adesso in rassegna le assegnazioni dei premi vinti dalle pellicole in concorso. Prima di cominciare però, merita una menzione speciale la vittoria di Luca Marinelli, come miglior interpretazione maschile nel film “MARTIN EDEN” di Pietro Marcello, vera e grande rivelazione nel panorama cinematografico italiano.

luca marinelli venezia 2019Luca Marinelli - Miglior interpretazione maschile, Venezia 2019

(https://movieplayer.net-cdn.it/t/images/2019/09/08/luca-marinelli-venezia-2019_jpeg_1200x0_crop_q85.jpg)

VENEZIA 76


LEONE D’ORO per il miglior film a: JOKER di Todd Phillips (USA)
LEONE D’ARGENTO - GRAN PREMIO DELLA GIURIA a: J’ACCUSE di Roman Polanski (Francia, Italia)
LEONE D’ARGENTO - PREMIO PER LA MIGLIORE REGIA a: Roy Andersson per il film OM DET OÄNDLIGA (ABOUT ENDLESSNESS) (Svezia, Germania, Norvegia)

COPPA VOLPI per la migliore interpretazione femminile a: Ariane Ascaride nel film GLORIA MUNDI di Robert Guédiguian (Francia, Italia)
COPPA VOLPI per la migliore interpretazione maschile a: Luca Marinelli nel film MARTIN EDEN di Pietro Marcello (Italia, Francia)


PREMIO PER LA MIGLIORE SCENEGGIATURA a: Yonfan per il film JI yuan tai qi hao (no.7 cherry lane) di Yonfan (Hong Kong SAR, Cina)
PREMIO SPECIALE DELLA GIURIA a: LA MAFIA NON È PIÙ QUELLA DI UNA VOLTA di Franco Maresco (Italia)
PREMIO MARCELLO MASTROIANNI a un giovane attore o attrice emergente a: Toby Wallace nel film BABYTEETH di Shannon Murphy (Australia)


(per le suddette informazioni si intende ringraziare il sito ufficiale “labiennale.org” e per scoprire la lista dei vincitori delle altre categorie, consultare il sito al seguente link: https://www.labiennale.org/it/news/premi-ufficiali-della-76-mostra)


Abbiamo deciso di etichettare il seguente Festival come il “festival di tutti” per ironizzare in maniera del tutto innocente (e priva di polemica, che sia chiaro!) sulle presenze di “alto prestigio” che si sono palesate sul red carpet nel corso delle serate. Se in passato quel tappeto rosso era teatro di sogni per la “gente comune” che lo vedeva calpestare dalle prestigiose rappresentanze del panorama cinematografico internazionale (da Sophia Loren a Meryl Streep, da Lady Gaga a Carlo Verdone) oggi (purtroppo o per fortuna) le cose sono cambiate. Infatti oltre ad attori emergenti ed affermati si sono alternati, tra una sfilata e l’altra, numerose “personalità televisive” di poco conto che hanno tormentato ed angosciato gli ignari fotografi che tra un dubbio e una risatina (recintando a denti stretti il mantra: “Lui/Lei chi è?”) andavano avanti a scattare foto, ligi alla professionalità dettata dal proprio lavoro. Indubbiamente hanno dominato starlette ed influencer vari, “usati” dai più importanti stilisti come manichini viventi per le proprie creazioni, che ci hanno fatto capire sera dopo sera, quanto il Festival di Venezia (dopo tutti questi anni) sia ancora attuale ed al passo con i tempi, come giusto che sia!


Detto questo…da Venezia è tutto! Ci vediamo il prossimo anno per #Venezia77.


A voi è piaciuta la 76° edizione della mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia?


Esprimete il vostro parere attraverso i nostri canali social:
Instagram (r.a.s.i.gram), Facebook (RASI - Rete Artisti Spettacolo per l'Innovazione) e Twitter (@RASInnovazione)

 

Pasquale Angelino, 13/09/2019, Roma.


Rete Artisti Spettacolo per l’Innovazione


Stampa   Email