Award System RASI

BANDO RASI: L'ULTIMA GUERRA

NUOVO BANDO R.A.S.I. PER LA PROMOZIONE DELLE ATTIVITA’ PROFESSIONALI DEGLI ARTISTI INTERPRETI ESECUTORI: “L’ULTIMA GUERRA”

È stato pubblicato sul nostro sito il nuovo bando per la promozione delle attività professionali degli artisti interpreti esecutori dal titolo: “L’ultima guerra”.

Tale bando è rivolto a tutti gli Artisti Interpreti Esecutori, soci e/o mandanti esclusivamente di R.A.S.I. e residenti in Italia, già aventi diritto, ovvero artisti interpreti esecutori che abbiano già incassato i compensi relativi ai diritti connessi. Il mancato possesso di tali requisiti comporterà la non ammissibilità al contributo.

Il bando prevede contributi per le seguenti attività:

a) Attività dello spettacolo dal vivo;
b) Realizzazione di brevi cortometraggi o videoclip inediti anche con strumenti tecnologici innovativi;
c) Formazione professionale anno 2022;
d) Realizzazione di self tape, showreel, book fotografici, siti web anno 2022;

 

Le richieste vanno presentate entro le ore 24.00 del giorno 15 aprile 2022 compilando l’apposito modulo al seguente link:

https://www.reteartistispettacolo.it/it/promozione/bando-lultima-guerra.html

Per informazioni potete contattare il numero della R.a.s.i. 06 94364413 dalle ore 09.30 alle ore 12.00 dal lunedi al venerdi escluso i giorni festivi.

ARTISTI IN AZIONE: CORSI DI RECITAZIONE IN INGLESE CON CRISTINA MOGLIA

MOGLIA CORSO INGLESE

Hai bisogno di frequentare un corso di recitazione in inglese?
Necessiti dell'apprendimento di nuove tecniche recitative?

 

Abbiamo ciò che fa al caso tuo...
Cristina Moglia, attrice di lunga data e grande esperienza, si offre per lezioni individuali di recitazione in inglese.
Coaching per audizioni: Cinema, Tv e teatro.
Self-Tape per provini Internazionali.
Dialogue Coach.

Per maggiori info, si prega di contattare il seguente indirizzo: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

In bocca al lupo a tutti.

CONTRIBUTO LAVORATORI SPETTACOLO DAL VIVO

DOMANDA DA PRESENTARSI ENTRO LE ORE 16.00 DEL 16 DICEMBRE 2021 AL SEGUENTE INDIRIZZO:
WWW.SPETTACOLODALVIVO.BENICULTURALI.IT

 

IL MINISTERO DELLA CULTURA HA PREVISTO UN CONTRIBUTO PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DAL VIVO, ATTORI, CANTANTI, DANZATORI, PRODESSORI D’ORCHESTRA, ARTISTI DEL CORO, ARTISTI CIRCENSI, ALTRI ARTISTI E MAESTRANZE ISCRITTI AL FONDO PENSIONI LAVORATORI DELLO SPETTACOLO.

I REQUISITI PER PRESENTARE LA DOMANDA SONO:

- ESSERE RESIDENTI IN ITALIA;

- ESSERE ISCRITTI AL FONDO PENSIONI LAVORATORI SPETTACOLO;

- AVERE UN REDDITO RIFERITO ALL’ANNO 2019 FINO AD UN MASSIMO DI 50.000 EURO;

- AVERE NEGLI ANNI 2018 E 2019, UN NUMERO DI GIORNATE LAVORATIVE PARI AD ALMENO N.7, COME RISULTANTI DA VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AL FONDO PENSIONI LAVORATORI DELLO SPETTACOLO;

- AVERE NEL PERIODO COMPRESO TRA IL 1 GENNAIO 2021 E IL 31 OTTOBRE 2021, UN NUMERO DI GIORNATE LAVORATIVE, COME RISULTANTI DA VERSAMENTI CONTRIBUTIVI ACCREDITATI AL FONDO PENSIONI LAVORATORI DELLO SPETTACOLO, INFERIORE PER ALMENO IL 30 PER CENTO RISPETTO ALLA MEDIA DELLE GIORNATE LAVORATIVE PER ATTIVITA’ DI SPETTACOLO DAL VIVO EFFETTUATE NEL PERIODO DAL 1 GENNAIO AL 31 OTTBRE NEGLI ANNI 2018 E 2019.

 

LE DOMANDE POTRANNO ESSERE PRESENTATE UTILIZZANDO UNICAMENTE I MODELLI PREDISPOSTI E RESI DISPONIBILI SULLA PIATTAFORMA FUS-ON-LINE (https://www.dos.beniculturali.it/login.php) DAL SITO DELLA DIREZIONE GENERALE SPETTACOLO DEL MINISTERO DELLA CULTURA UNITAMENTE A COPIA DEL DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO IN CORSO DI VALIDITÀ.

NELLA DOMANDA, I SOGGETTI INTERESSATI DEVONO RIPORTARE, CON AUTOCERTIFICAZIONE AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 28 DICEMBRE 2000, N.445 IL POSSESSO DEI REQUISITI CONTRIBUTIVI RICHIESTI:

- LE GIORNATE LAVORATIVE EFFETTUATE PER LA REALIZZAZIONE DI SPETTACOLI DAL VIVO NEL PERIODO COMPRESO TRA IL 1 GENNAIO 2021 E IL 31 OTTOBRE 2021, COME RISULTANTI DAI VERSAMENTI CONTRIBUTIVI ACCREDITATI AL FONDO PENSIONI LAVORATORI DELLO SPETTACOLO;

- LE GIORNATE LAVORATIVE EFFETTUATE PER LA REALIZZAZIONE DI SPETTACOLI DAL VIVO NEL PERIODO COMPRESO TRA IL 1 GENNAIO E IL 31 OTTOBRE 2018 E NEL 2019, COME RISULTANTI DAI RELATIVI VERSAMENTI CONTRIBUTIVI AL FONDO PENSIONI LAVORATORI DELLO SPETTACOLO E IL VALORE MEDIO RISULTANTE;

AL FINE DEL RICEVIMENTO FARA’ FEDE L’AVVISO DI AVVENUTA RICEZIONE, INVIATO DA PARTE DELL’AMMINISTRAZIONE CHE IL SISTEMA INFORMATIVO GENERERA’ IN AUTOMATICO AL TERMINE DELLA COMPILAZIONE DELLA MODULISTICA ON-LINE. LE RISORSE DISPONIBILI VERRANNO RIPARTITE TRA TUTTI I RICHIEDENTI, FINO AD UN MASSIMO DI € 4.000,00 PER BENEFICIARIO.

RAMMENTIAMO CHE I MANDANTI RASI POSSONO RICHIEDERE GRATUITAMENTE L’ESTRATTO CONTO CONTRIBUTIVO DEL FONDO PENSIONI LAVORATORI DELLO SPETTACOLO PER VERIFICARE IL POSSESSO DEI REQUISITI SCRIVENDO ALLA SEGUENTE MAIL: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

E’ POSSIBILE PRESENTARE UNA SOLA DOMANDA. SI RICORDA DI INSERIRE IL PROPRIO IBAN INTESTATO AL SOGGETTO RICHIEDENTE NELL’APPOSITA SEZIONE.

INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE: LAVORATORI AUTONOMI DELLO SPETTACOLO

NUOVA INDENNITA’ DI DISOCCUPAZIONE A FAVORE DEI LAVORATORI AUTONOMI DELLO SPETTACOLO
 
L’Inps ha fornito le istruzioni amministrative in materia di indennità per la disoccupazione involontaria dei lavoratori autonomi dello spettacolo (ALAS) a favore dei lavoratori che prestino a tempo determinato attività artistica o tecnica direttamente connessa con la produzione e la realizzazione di spettacoli.
La predetta indennità è rivolta ai lavoratori per gli eventi di cessazione involontaria intervenuti a fare data dal 1 gennaio 2022.
 
 
Requisiti
Per avere diritto all’indennità ALAS i lavoratori devono possedere congiuntamente i seguenti requisiti:
a) non avere in corso rapporti di lavoro autonomo o subordinato;
b) non essere titolari di trattamento pensionistico diretto a carico di gestioni previdenziali obbligatorie;
c) non essere beneficiari di Reddito di cittadinanza;
d) avere maturato, nel periodo che va dal 1° gennaio dell'anno civile precedente la conclusione dell'ultimo rapporto di lavoro autonomo alla data di presentazione della domanda di indennità, almeno quindici giornate di contribuzione versata o accreditata al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo;
e) avere un reddito relativo all'anno civile precedente alla presentazione della domanda non superiore a 35.000 euro.
 
 
a) Non avere in corso rapporti di lavoro autonomo o subordinato
Ai fini dell’accesso all’indennità di disoccupazione ALAS, il richiedente la prestazione deve avere cessato involontariamente il rapporto di lavoro autonomo di cui era titolare e non deve essere titolare di rapporto di lavoro autonomo – ivi compreso il rapporto di collaborazione – o di rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato e/o indeterminato al momento della presentazione della domanda.
 
b) Non essere titolari di trattamento pensionistico diretto a carico di gestioni previdenziali obbligatorie
Inoltre per accedere all’indennità ALAS il richiedente la prestazione non deve essere titolare di trattamenti pensionistici diretti a carico, anche pro quota, dell’Assicurazione generale obbligatoria (AGO) e delle forme esclusive, sostitutive, esonerative e integrative della stessa, delle forme previdenziali compatibili con l’AGO, della Gestione separata, degli enti di previdenza di cui al decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509, e al decreto legislativo 10 febbraio 1996, n. 103, nonché dell’indennità c.d. APE sociale.
La prestazione ALAS, analogamente alle prestazioni di disoccupazione NASpI e DIS-COLL, non è altresì compatibile e cumulabile con l'assegno ordinario di invalidità, di cui alla legge 12 giugno 1984, n. 222. Il beneficiario della prestazione ALAS – qualora fosse titolare dell’assegno ordinario di invalidità al momento della presentazione della domanda di ALAS o divenisse titolare dello stesso in corso di fruizione dell’ALAS – può optare a favore dell’indennità ALAS in luogo del predetto assegno.
I lavoratori che hanno esercitato la facoltà di opzione per l’indennità ALAS possono rinunciare alla stessa in qualsiasi momento ottenendo il ripristino del pagamento dell’assegno di invalidità. La rinuncia, che ha valore dalla data in cui viene effettuata, ha carattere definitivo e il lavoratore che l’ha esercitata non può più essere ammesso a percepire la parte residua della prestazione ALAS.
Il requisito di cui al presente paragrafo deve essere presente – oltre che alla data di presentazione della domanda - durante l’intero periodo di fruizione della prestazione ALAS, pena la decadenza dalla stessa.
 
c) Non essere beneficiari di Reddito di cittadinanza
Anche il requisito di non essere beneficiari del Reddito di cittadinanza deve permanere durante l’intero periodo di fruizione della indennità ALAS, pena la decadenza dalla prestazione.
Con riferimento a detto specifico requisito, si fa presente che – ai fini dell’accesso all’indennità ALAS - lo stesso si ritiene soddisfatto laddove il richiedente l’ALAS non sia componente di un nucleo familiare beneficiario del Reddito di cittadinanza.
 
d) Requisito contributivo di almeno quindici giornate di contribuzione versata o accreditata al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo
Per accedere all’indennità ALAS è necessario fare valere almeno quindici giornate di contribuzione versata o accreditata al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno civile precedente alla cessazione dell’ultimo rapporto di lavoro autonomo fino alla data di presentazione della domanda. Ai fini del perfezionamento del requisito richiesto, si considerano utili i soli contributi previdenziali versati o accreditati al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo connessi allo svolgimento di attività lavorativa autonoma artistica o tecnica a tempo determinato direttamente connessa con la produzione e la realizzazione di spettacoli;
Si considerano altresì utili i contributi figurativi accreditati per maternità obbligatoria e congedo parentale regolarmente indennizzati riferiti ai soli periodi non coperti da contribuzione obbligatoria per effetto dell’astensione della lavoratrice e del lavoratore. In favore di tutti i lavoratori subordinati, parasubordinati e autonomi dello spettacolo iscritti al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo si applica il principio di automaticità delle prestazioni, disciplinato dall’articolo 2116 c.c.
 
e) avere un reddito relativo all'anno civile precedente alla presentazione della domanda non superiore a 35.000 euro.
L’assicurato richiedente la prestazione, per accedere all’indennità, deve avere prodotto - nell’anno civile che precede la presentazione della domanda - un reddito di importo non superiore a 35.000 euro.
Si precisa che il reddito cui si riferisce la disposizione sopra richiamata è il reddito complessivo e non il solo reddito connesso all’attività autonoma.
Ai fini della verifica di detto requisito si precisa che – non disponendo l’Inps del dato reddituale legislativamente previsto – in sede di presentazione della domanda il richiedente la prestazione deve dichiarare di essere in possesso del requisito reddituale in argomento.
Per la verifica del requisito reddituale di cui sopra, l'INPS comunica all'Agenzia delle Entrate i dati identificativi dei soggetti che hanno presentato domanda e, a seguire, l'Agenzia delle Entrate comunica all'INPS l'esito dei riscontri effettuati sulla verifica dei requisiti reddituali.
 
Base di calcolo, misura e durata della prestazione
L’indennità ALAS è rapportata al reddito imponibile ai fini previdenziali risultante dai versamenti contributivi effettuati al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo, relativo all'anno in cui si è concluso l'ultimo rapporto di lavoro autonomo e all'anno civile precedente, diviso per il numero di mesi di contribuzione, o frazioni di essi, presenti nel medesimo periodo di osservazione.
Nell’ipotesi in cui la/il lavoratrice/lavoratore, nel predetto periodo di osservazione, abbia beneficiato - per i periodi di tutela della maternità/paternità e del congedo parentale - della relativa prestazione, quest’ultima concorre alla determinazione della base di calcolo per la definizione della misura dell’indennità ALAS.
L’indennità, rapportata al reddito medio mensile come sopra determinato, è pari al 75 per cento del suddetto reddito medio mensile nel caso in cui tale reddito sia pari o inferiore, per l’anno 2021, all'importo di 1.227,55 euro, annualmente rivalutato sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati intercorsa nell'anno precedente.
Nel caso in cui il reddito medio mensile sia superiore al predetto importo, la misura dell’ALAS è pari al 75 per cento del predetto importo di 1.227,55 euro, incrementata di una somma pari al 25 per cento della differenza tra il reddito medio mensile e il predetto importo di 1.227,55 euro.
L’indennità ALAS non può in ogni caso superare l'importo massimo mensile di 1.335,40 euro nel 2021, annualmente rivalutato sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati intercorsa nell'anno precedente.
L’indennità ALAS è corrisposta mensilmente per un numero di giornate pari alla metà delle giornate di contribuzione versata o accreditata al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo nel periodo che va dal 1° gennaio dell'anno civile precedente la conclusione dell'ultimo rapporto di lavoro autonomo alla data di conclusione del rapporto di lavoro medesimo.
I periodi di maternità/paternità coperti da contribuzione, anche figurativa, nonché i periodi di congedo parentale indennizzati coperti da contribuzione figurativa presenti nel periodo di osservazione come sopra determinato, sono da considerare utili ai fini della determinazione della durata dell’indennità ALAS.
Ai fini della durata non sono computati i periodi contributivi – presenti nel periodo di osservazione come sopra determinato - che hanno già dato luogo a erogazione di precedente/i prestazione/i ALAS.
 
Al riguardo si precisano le seguenti modalità operative:
  1. ai fini del calcolo della durata della prestazione ALAS sono prese in considerazione le giornate di contribuzione versata o accreditata al Fondo lavoratori dello spettacolo nel periodo che va dal 1° gennaio dell’anno civile precedente alla cessazione dell’ultimo rapporto di lavoro autonomo fino alla data di conclusione del rapporto di lavoro medesimo;
  2. ai fini del non computo delle giornate di contribuzione versata o accreditata al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo che hanno già dato luogo ad erogazione di precedenti prestazioni ALAS, sono prese in considerazione, per esserne escluse, le giornate di contribuzione versata o accreditata – presenti nel medesimo periodo di osservazione di cui al punto 1 - precedenti le prestazioni delle quali hanno costituito base di calcolo;
  3. le giornate di contribuzione versata o accreditata al Fondo pensione lavoratori dello spettacolo relative ai rapporti di lavoro successivi all’ultima prestazione ALAS sono sempre utili ai fini della determinazione della durata di una nuova ALAS poiché non hanno già dato luogo ad erogazione di precedenti prestazioni.

La durata massima di ciascuna prestazione ALAS non può superare sei mesi, corrispondenti – per i lavoratori autonomi dello spettacolo – a 156 giorni di contributi giornalieri.

Presentazione della domanda
Per fruire dell’indennità ALAS i potenziali beneficiari devono, a pena di decadenza, presentare apposita domanda all’INPS, esclusivamente in via telematicaentro il termine di sessantotto giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro, utilizzando i consueti canali messi a disposizione per i cittadini.
Il termine di sessantotto giorni per la presentazione della domanda di ALAS decorre dalle date di seguito individuate:
a) data di cessazione dell'ultimo rapporto di lavoro autonomo;
b) data di cessazione del periodo di maternità indennizzato;
c) data di cessazione del periodo di malattia indennizzato o di infortunio sul lavoro/malattia professionale.
Si precisa quanto segue in ordine alle ipotesi di intervenuta malattia o di inizio di periodo indennizzabile di maternità:
- nel caso di evento di maternità indennizzabile, il termine di presentazione della domanda rimane sospeso per un periodo pari alla durata dell’evento di maternità indennizzato e riprende a decorrere, al termine del predetto evento, per la parte residua.
- nel caso di evento di malattia comune indennizzabile da parte dell’INPS o infortunio sul lavoro/malattia professionale indennizzabile da parte dell’INAIL, il termine di presentazione della domanda rimane sospeso per un periodo pari alla durata dell’evento di malattia indennizzato o di infortunio sul lavoro/malattia professionale e riprende a decorrere, al termine del predetto evento, per la parte residua.
Esclusivamente al fine di gestire adeguatamente le cessazioni del rapporto di lavoro autonomo intercorse tra la data del 1° gennaio 2022 e la data di pubblicazione della circolare Inps (14/01/2022), il termine di sessantotto giorni per la presentazione della domanda di ALAS decorre dalla data di pubblicazione della circolare. In questi casi la prestazione viene corrisposta dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro.
In generale la prestazione viene corrisposta dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro, salvo quanto specificato nel successivo paragrafo successivo.
 
Decorrenza della prestazione
L’indennità ALAS spetta a decorrere:
  1. dall'ottavo giorno successivo alla data di cessazione dell’ultimo rapporto di lavoro autonomo, se la domanda è presentata entro l’ottavo giorno;
  2. dal primo giorno successivo alla data di presentazione della domanda, nel caso in cui la domanda sia stata presentata successivamente all’ottavo giorno, ma entro il sessantottesimo;
  3. dall’ottavo giorno successivo alle date di fine dei periodi di maternità, malattia, infortunio sul lavoro/malattia professionale del precedente paragrafo in questione, qualora la domanda sia stata presentata entro l’ottavo giorno; dal giorno successivo alla presentazione della domanda qualora questa sia presentata successivamente all’ottavo giorno ma, comunque, nei termini di legge. 

Si richiamano a ogni buon fine gli effetti sulla prestazione in esame degli eventi di malattia e maternità che possono insorgere quando la prestazione ALAS è già in corso. 

L’ALAS non sostituisce l'indennità di malattia e/o di maternità. In caso di evento di malattia e/o maternità insorto durante la percezione della prestazione ALAS, quest’ultima viene sospesa per tutta la durata dell’indennità di malattia/maternità per poi essere ripristinata per la parte residua dal momento della ripresa della capacità lavorativa o della fine del periodo di maternità indennizzato. 

Prestazioni accessorie

Per i periodi di fruizione dell’indennità ALAS è riconosciuta d’ufficio la contribuzione figurativa rapportata al reddito medio mensile come determinato ai sensi dell’articolo 66, comma 11, del decreto Sostegni bis, entro un limite di retribuzione pari a 1,4 volte l'importo massimo mensile dell’indennità per l'anno in corso.
Il periodo di contribuzione figurativa derivante dall’indennità ALAS è computato ai fini dell’anzianità contributiva utile al perfezionamento dei requisiti pensionistici.
La contribuzione figurativa generata a seguito della percezione dell’indennità ALAS, ai fini della maturazione del diritto alle prestazioni individuate dai citati articoli 6 e 9 del D.P.R. 31 dicembre 1971, n. 1420, (pensioni di vecchiaia, invalidità, ai superstiti) dovrà essere valorizzata per la determinazione del restante un terzo della contribuzione complessiva utile.
Nell’ipotesi di sovrapposizione della contribuzione figurativa ALAS con la contribuzione da lavoro, a seguito di rioccupazione del lavoratore titolare dell’indennità in parola, la valorizzazione dei contributi per la maturazione del diritto ai trattamenti di pensione come sopra individuati dovrà essere esperita computando, in primo luogo, la contribuzione derivante da effettive prestazioni lavorative e, in secondo luogo, la contribuzione figurativa per ALAS.
Sull’indennità ALAS non competono gli assegni per il nucleo familiare.

Incompatibilità e incumulabilità
L’indennità ALAS – in ragione della previsione di cui all’articolo 66, comma 8, lett. b) e lett. c), del decreto Sostegni bis - è incompatibile con le pensioni dirette a carico, anche pro quota, dell’Assicurazione generale obbligatoria (AGO) e delle forme esclusive, sostitutive, esonerative e integrative della stessa, delle forme previdenziali compatibili con l’AGO, della Gestione separata, degli enti di previdenza, nonché con l’indennità cosidetta APE sociale e con il Reddito di cittadinanza.
L’indennità ALAS è altresì incompatibile con le prestazioni a tutela della disoccupazione involontaria, quali la NASpI, la DIS-COLL e l’indennità di disoccupazione agricola.
L’indennità ALAS è incumulabile con le indennità di malattia e maternità. L’ALAS non sostituisce l'indennità di malattia e/o di maternità; in caso di evento di malattia e/o maternità insorto durante la percezione della prestazione ALAS, quest’ultima viene sospesa per tutta la durata dell’indennità di malattia/maternità per poi essere ripristinata per la parte residua dal momento della ripresa della capacità lavorativa o della fine del periodo di maternità indennizzato.
Si precisa che l’indennità ALAS è compatibile con la titolarità di cariche elettive e/o politiche esclusivamente se per le stesse è previsto come compenso il solo gettone di presenza; al contrario, la titolarità di cariche parlamentari e di tutte le cariche che prevedano, come compensi, indennità di funzione e/o altri emolumenti diversi dal solo gettone di presenza non consentirà l’accesso all’indennità in argomento. L’incompatibilità rileva al momento della domanda.

Regime fiscale
Ai sensi dell’articolo 66, comma 16, del decreto-legge n. 73/2021, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 106/2021, l’indennità ALAS non concorre alla formazione del reddito ai sensi del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917.

 
Gli uffici Rasi sono come al solito a disposizione degli artisti mandanti per la presentazione della richiesta dell’indennità di disoccupazione ALAS.

PUBBLICAZIONE ESITI DOMANDE A SIAE PER CONTRIBUTO FONDO AIE DECRETO DEL MINISTERO DELLA CULTURA DEL 13 AGOSTO 2021 N. 311

CONTRIBUTO FONDO AIE (ART.90 DL 18/2020 – DECRETO DEL MINISTRO DELLA CULTURA N. 311  DEL 13 AGOSTO 2021)

È disponibile, qui sotto, l’elenco, insieme all’esito, delle domande per l’accesso al contributo  art.90 di cui al DM 311/2021 presentate dagli Artisti Interpreti ed Esecutori mandanti di RASI o che l’hanno indicata come organizzazione prescelta per l’erogazione del contributo.

Gli artisti la cui domanda risulta non ammissibile al contributo potranno presentare a RASI un’istanza motivata e documentata di riesame della propria posizione inviando una mail all’indirizzo This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. entro le ore 24:00 del 12 dicembre 2021.

 

RASI provvederà a comunicare l’esito entro i sette giorni successivi alla presentazione della domanda di riesame.

Decorso inutilmente il termine per la presentazione dell’istanza di riesame, la procedura si intende definitivamente conclusa.

Attachments:
Download this file (ELENCO ESITI DOMANDE ARTISTI.pdf)ELENCO ESITI DOMANDE ARTISTI.pdf [ ] 128 kB

R.A.S.I.
RETE ARTISTI SPETTACOLO PER L'INNOVAZIONE
Organismo di gestione collettiva dei diritti connessi al diritto d’autore.

Soc.Coop. a.r.l. senza scopo di lucro.
Sede legale e operativa:
Via Po 43, 00198 Roma
Tel.+39.06 94364413
Fax +39.06.94359833
info@reteartistispettacolo.it
Codice Fiscale e N. Iscr. al Registro
delle Imprese di Roma: 97690690587
Codice univoco: KRRH6B9
N.Rea: RM 1523103
N.Albo Soc.Coop.:  C123721
P.IVA IT13451801008
© 2021 R.A.S.I.

 

Pin It
 

agcom pdcm Mibac DANDI
       

contatta R.A.S.I. Rete Artisti Spettacolo per L'Innovazione

 

  

Award System RASI